Top

Blog

La “Tosse dei canili ” ( Tracheo-bronchite infettiva)

Tracheobronchite infettiva nel cane – Tosse dei canili:

La tracheobronchite nel cane ha dei sintomi che possono far pensare che il cane abbia qualcosa in gola. La tosse quando associata alla tracheobronchite acuta infettiva, detta anche  tosse dei canili, è molto persistente e a volte seguita da conati di vomito.

La tosse dei canili quindi è un’infiammazione altamente contagiosa della trachea e dell’albero bronchiale che può essere causata da un virus  (adenovirus,virus parainfluenzale, virus cimurro) oppure da un batterio (Bordetella bronchiseptica).

Riscontriamo spesso questa malattia negli animali ospitati in strutture affollate come i cani che partecipano a concorsi e fiere canine, oppure nei canili, dal quale la patologia prende il nome.

Gli agenti infettivi si trasmetto attraverso l’aria oppure tramite contatto con superfici contaminate. Cani giovani, cuccioli ed anziani sono sottoposti ad un rischio maggiore dovuto al loro sistema immunitario ancora non completamente sviluppato o debole.

i sintomi possono durare per giorni o addirittura per settimane mentre il  periodo di incubazione dal momento in cui il cane ha contratto l’infezione alla comparsa dei primi sintomi varia dai 3 ai 10 giorni.

Colpi di tosse da lievi a moderati, senza ulteriori sintomi generalmente si esauriscono senza particolari complicazioni tuttavia, in alcuni casi, la tosse diventa persistente e può essere causa dibronchite cronica.

 

Sintomi.

  • Problemi alle alte vie respiratorie, rinite (naso che cola),congiuntivite (occhi irritati) o frequenti starnuti.
  • Bruschi attacchi di tosse che peggiorano con lo sforzo e l’attività fisica che persistono per diversi minuti. Il cane si comporta come se gli si fosse conficcata qualcosa in gola ed espelle liquidi dopo la tosse o nel peggiore dei casi vomita.
  • Se conseguentemente alla tracheobronchite si sviluppa la polmonite batterica il cane mostra anche perdita di appetito, febbre o depressione.

Nel verificare Uno o più di questi sintomi si consiglia di portare il vostro cane dal veterinario, per escludere l’insorgenza di polmonite.

 

 

Diagnosi. L’anamnesi medica solitamente rivela un’esposizione del cane ad un canile o ad altri cani. nella maggior parte dei casi è presente sensibilità della trachea. per riconoscere la tosse dei canili ed escludere altre malattie similari sono necessari alcuni test diagnostici:

  • RX al torace,consigliata per escludere l’insorgenza della polmonite.
  • Esami del sangue.
  • Esame delle feci, per escludere eventuali parassiti intestinali

Trattamento della tosse dei canili.

La malattia è generalmente auto-limitante ,come ad esempio il raffreddore umano,ossia si risolve spontaneamente senza l’utilizzo di medicinali, in caso di infezione virale poi, gli antibiotici non sono in grado di uccidere il virus, si attende quindi il naturale decorso della malattia.

Tuttavia nei casi più gravi,il trattamento può prevedere l’utilizzo di farmaci:

  • Soppressori della tosse.Solitamente basta l’utilizzo di butorfanolo x Iniezione o pillole a volte però si necessita di interventi più forti come l’assunzione di codeina per far interrompere la tosse. NON usare mai medicine destinate ad umani, senza prima esservi consultati con il vostro veterinario.
  • in caso di infezione da Bordetella o un’infezione secondaria batterica si ricorre all’utilizzo di antibiotici.
  • in caso di persistenza dei sintomi o dell’insorgenza di tracheobronchite cronica, si effettuano ulteriori esami del sangue ed RX toracica.

Prevenzione e cura a casa.

Per prevenire la diffusione di tosse dei canili ad altri soggetti,consigliamo vivamente di mantenete il vostro cane lontano da altri cani per almeno una settimana, inoltre per il suo benessere è bene adottare i seguenti accorgimenti:

  • Limitazione dell’attività fisica e riposo per evitare si scatenino violenti attacchi di tosse.
  • Idratate il vostro cane, incoraggiandolo ad assumere liquidi ed in caso di fastidio alla gola preferite cibo umido al secco.
  • Preferite l’utilizzo della pettorina al collare in quel periodo per evitare uteriori fastidi alla trachea.
  • Tenete il vostro cane lontano da fumo, polvere, vapori chimici, ecc
  • Cercate di mantenere umido l’ambiente dove stalla il vostro animale, con l’utilizzo ad esempio di un umidificatore, oppure tenendolo con voi in bagno durante la doccia.

Vaccinare il proprio lo protegge dalla tracheobronchite atteso che il vaccino ,purtoppo,  non garantisce una sicurezza al 100% di non contrarre la malattia.